person holding ballpoint pen writing on notebook

Tempo di lettura: 3 minuti

L’ambiente che ci circonda copre un ruolo fondamentale per la nostra produttività: infatti, quando è ottimale, ci permette di poter lavorare o studiare senza essere distratti non solo dagli oggetti che ci circondano, ma anche dai rumori o dagli sbalzi di temperatura.

Basta vedere la differenza del lavorare a casa circondati dai propri familiari, rispetto al farlo in un luogo come la biblioteca, in cui si ritrovano persone con l’intento di restare concentrati.

1.Come creare l’ambiente ottimale per studiare o per lavorare?

1.Luminosità e spazio: la luce deve essere tale da non dare fastidio per la sua intensità, ma non deve essere neanche troppo bassa poiché sforzerebbe eccessivamente la vista nel lungo andare.

Lo spazio, invece, deve essere ordinato ed adeguato: né troppo ristretto, poiché darebbe la sensazione di essere in trappola, né troppo spazioso, poiché troppo dispersivo.

2.Prima di studiare o lavorare, è consigliato il procurarsi dell’acqua, degli snack salutari e di tutto il materiale che ci sarà necessario, in modo da non interrompere la nostra full immersion per procurarci ciò che ci serve solo in un secondo momento e così perdendo tempo e concentrazione.

3.”Tavola dei sogni”: consiste nel rendere visibile i traguardi che vogliamo raggiungere o i nostri sogni tramite l’utilizzo di immagini o scritte che li rappresentano in una tavoletta, che metteremo nel nostro luogo di studio o di lavoro per ricordarceli e spingerci ad impegnarci ogni giorno per raggiungerli.

Annunci

4.Silezio, rumore bianco o musica di sottofondo?

A seconda delle proprie preferenze personali, si può trovare maggiormente conciliante con lo studio ascoltare come musica di sottofondo della musica classica, o utilizzare come rumore bianco quello della pioggia, o ancora, le chiacchiere della gente in un caffè od il silenzio assoluto.

5.Area relax: vi deve essere un luogo dove possiamo fare una pausa che ci permetta non solo di liberare la mente, ma anche di poter sgranchire le gambe e fare qualche passo.

Inoltre, sarebbe ottimale qualora fosse fornita di bevande come l’acqua, tè o caffe; oltre che a degli snack salutari.

6.Niente distrazioni: ci sono degli oggetti, come la radio, la televisione e lo smartphone, che ci possono facilmente distrarre; l’alternativa migliore è quella di non ammetterli all’interno dello spazio che utilizziamo per studiare o per lavorare

7.Piante: l’avere delle piantine nella nostra scrivania, ci permetterà di rendere il nostro ambiente più accogliente, e ci darà più vibrazioni positive, facendoci sentire connessi con la natura.

In quali condizioni lavorate o studiate meglio? Fatemelo sapere nei commenti, e se vi è piaciuto l’articolo lasciate un like!