brown brain decor in selective-focus photography
In questo articolo…
1.Che cos’è il Q.I. (Quoziente Intellettivo)?
2.Come può essere misurata l’intelligenza?
3.Che cosa s’intende generalmente per “intelligenza”?

Tempo di lettura: 3 minuti

1.Che cos’è il Q.I. (Quoziente Intellettivo)?

Nonostante la maggior parte delle persone pensa che il proprio livello di intelligenza possa essere quantificato grazie al Q.I. (Quoziente Intellettivo), questo non è l’unico modo per poterlo fare.

Il Quoziente Intellettivo è un test standardizzato che quantifica tramite un punteggio lo sviluppo cognitivo di un individuo, questo a sua volta ci posiziona in uno dei 3 livelli: infatti, possiamo avere un quoziente intellettivo sotto la media, nella media o sopra la media.

2.Come può essere misurata l’intelligenza?

L’intelligenza essendo localizzata in più parti del cervello e non potendo essere intesa solo prendendo in considerazione uno dei suoi aspetti è divisa in:

1.Intelligenza Linguistica-Verbale: ci permette di comunicare efficacemente con l’utilizzo di un vocabolario ricco ed il giusto uso della sintassi.

2.Intelligenza Logico-Matematica: ci permette di ricordare schemi, mappe e formule.

Inoltre porta ad un pensiero logico deduttivo.

Annunci

3.Intelligenza Spaziale: consente di orientarci, di ricordare visivamente spazio e tempo.

Qui rientra la creatività.

4.Intelligenza Corporeo-Cinestesica: porta alla coordinazione dei nostri movimenti

5.Intelligenza Musicale: è tutto ciò che comprende l’imparare a suonare degli studenti o a cantare in modo intonato, o comporre melodie

6.Intelligenza Emotiva: è la facoltà di riuscire a riconoscere le proprie emozioni e quelle altrui, oltre che al saperle gestire ed essere empatici

3.Che cosa s’intende generalmente per “intelligenza”?

Per definizione, l’intelligenza è il complesso di attività psichiche e mentali che consentono all’uomo di pensare, comprendere o spiegare i fatti e le azioni, elaborare modelli astratti della realtà, intendere e farsi intendere dagli altri, giudicare, e lo rendono insieme capace di adattarsi a situazioni nuove e di modificare la situazione stessa quando questa presenta ostacoli d’adattamento.

L’intelligenza si sviluppa gradualmente a partire dall’infanzia ed è accompagnata dalla consapevolezza e dall’autoconsapevolezza.

La Neuroscienza ci dimostra che non è possibile utilizzare solo un metodo per poter qualificare l’intelligenza (per esempio il Q.I.), poiché nel nostro cervello sono presenti due emisferi celebrali distinti, ed essi sono opposti tra loro.

Avete mai fatto il test Q.I.? Quali altri test avete fatto per testare il vostro livello d’intelligenza? Fatemelo sapere nei commenti, e se vi è piaciuto l’articolo lasciate un mi piace!