brown ice cream cone
In questo articolo…
1.Che cos’è l’autosabotaggio?
2.Ecco gli 8 comportamenti più frequenti nell’autosabotaggio:

🕓Tempo di lettura: 5 minuti

1.Che cos’è l’autosabotaggio?

L’autosabotaggio comprende tutti quei comportamenti che mettiamo in atto nonostante siano controproducenti verso i nostri desideri o i nostri obbiettivi; in poche parole, l’autosabotaggio è il compimento di azioni mirate al boicottaggio della propria volontà nel riuscire in un percorso costruttivo ed evolutivo.

Un esempio di autosabotaggio, potrebbe essere quello di procrastinare lo studio guardando serie tv.

Lo sapevi che le Serie Tv Possono Portare alla Dipendenza? https://comelapensoio.com/2021/08/30/ecco-gli-8-sintomi-che-si-possono-riscontrare-dalla-dipendenza-da-serie-tv/

2.Ecco gli 8 comportamenti più frequenti nell’autosabotaggio:

1.Mettere i bisogni degli altri prima dei nostri: questo comporta il dover pensare prima agli altri, e solo in un secondo momento a noi stessi.

Questo ci porterà a darci meno importanza, e di conseguenza a darne meno ai nostri bisogni ed a prioritarizzare ciò che dobbiamo fare per poter raggiungere ciò che vogliamo; dobbiamo imparare a metterci al primo posto, perché è la nostra esistenza quella che stiamo vivendo per un periodo limitato, e dobbiamo farla valere.

man in white dress shirt wearing black framed eyeglasses

2.Procastinare: la procrastinazione è un’attività che ci fa perdere tempo e ci porta alla sperimentazione di ansi, sensi di colpa e di stress aggiuntivi che potrebbero essere risolti grazie all’utilizzo della forza di volontà ed alla disciplina; se ci pensate bene procrastinare un dovere, non vi porterà a non doverlo affrontare in un futuro prossimo, ma, vi metterà nella posizione di doverlo affrontare con un minor tempo a disposizione e con maggiori problemi.

3.Non agire per non fallire: molte persone hanno paura di fallire nei propri obbiettivi o nei propri sogni, quindi preferisco non impegnarsi nel percorso, o addirittura, di non iniziarlo mai.

Questo già di per sé è un fallimento.

E’ normale rallentare con degli errori prima di arrivare al traguardo, dobbiamo smettere di vedere gli errori come qualcosa di negativo, ed iniziare a vederli come l’opportunità di poter fare esperienza e di poter imparare qualcosa di nuovo di cui precedentemente non eravamo a conoscenza.

A prescindere, e matematicamente parlando, si hanno più possibilità nell’agire per provare ad ottenere qualcosa, che nel non agire per paura di fallire; dunque, bisogna sempre provare, con impegno, passione e determinazione.

4.Circondarsi da eventi o da persone tossiche: le persone che ci circondano, con le loro mentalità e i loro stili di vita, ci influenzano, così come gli ambienti e gli eventi a cui decidiamo di partecipare.

Pensate alla differenza che può esserci fra una persona che ha amici che fumano e bevono e che ogni weekend si ritrovano a ballare in discoteca, rispetto ad una persona che ha amici che sono impegnati nel creare il proprio business e che ogni weekend fanno un’uscita fuori porta per conoscere nuovi luoghi, culture ed arte.

Annunci

5.Eccedere con i “divertimenti effimeri”: ci sono dei “divertimenti effimeri” che vengono così denominati per la loro inutilità a livello personale, e che dunque ci sottraggono solo a del tempo prezioso.

Questi possono essere per esempio, il giocare alla playstation, o il partecipare a serate in cui prevalentemente si fuma e si beve o si scommette a poker o si gioca a bingo con i soldi.

Queste sono attività che ci tolgono la concentrazione da ciò che è veramente utile per noi e dai nostri obbiettivi.

Sono “divertimenti” che hanno degli effetti collaterali di dipendenza o di dispendio inutile dei soldi, e che potrebbero portarci ad abbandonare il nostro percorso di crescita e di miglioramento.

6.Non cambiare abitudini scorrette: le abitudini riflettono ciò che siamo, o meglio, definiscono ciò che siamo.

Le nostre abitudini possono aiutarci nel dare il meglio di noi stessi, così come il peggio di noi stessi; è da notare la differenza fra una persona che si è abituata con il tempo nel svegliarsi ogni giorno alle 6 di mattina ed a leggere un’ora al giorno, rispetto ad una persona che ha impostata la sveglia alle 9 di mattina e che nel tempo libero della giornata lavorativa guarda televisione spazzatura.

Scopri Quali Abitudini Dovresti Adottare od Eliminare e Come Farlo: https://comelapensoio.com/2021/06/17/quali-abitudini-adottare-od-eliminare-e-come-farlo/

Hai Mai Pensato di Svegliarti alle 5 di Mattina? Ecco Perchè Dovresti Farlo: https://comelapensoio.com/2021/09/13/perche-svegliarsi-alle-5-di-mattina/

7.Vittimismo: il vittimismo è un atteggiamento che esclude al soggetto la possibilità di essere l’artefice della propria vita, quando invece lo è.

L’attribuire la colpa ad un’altra persona per ogni evento negativo che ci accade, non ci rende protagonisti attivi; ci autoneghiamo la possibilità di trovare le soluzioni e di cambiare la nostra vita in meglio.

broken blue ceramic plate

8.Perfezionismo: l’essere persone perfezioniste, ovvero, persone che non accettano da loro stesse nient’altro che la perfezione, può essere un grosso limite relativamente a ciò che facciamo.

Potremmo continuare a rivalutare il nostro lavoro, o a prenderci del tempo per sistemare quello o codesto dettaglio; il problema, è che la perfezione, soprattutto quando si è critici verso se stessi e la si esige, è quasi impossibile da ottenere; quindi il perfezionismo rallenta decisamente il nostro percorso.

9.Pigrizia: la pigrizia è il peggior nemico dell’uomo poichè ne annulla la volontà d’agire e l’attività attiva del pensiero.

Un uomo pigro con il tempo si annulla a sé stesso; potrebbe passare tutta la giornata libera dal lavoro (qualora lavorasse) davanti ad un televisore o giocando al suo gioco preferito online piuttosto che svolgere attività come visitare un museo, conoscere nuove persone o nuovi luoghi.

La pigrizia ci limita a noi stessi senza poter verificare le nostre capacità e potenzialità e ci rende spettatori passivi dello scorrere del tempo e della nostra vita.

Quali fra questi comportamenti di autosabotaggio pensate di avere o vedete più frequentemente nelle altre persone? Come li cambiereste? Fatemelo sapere nei commenti, e se vi è piaciuto l’articolo lasciate un like!