person holding click pen
In questo articolo…
1.Ecco come eliminare il blocco creativo:
2.Ecco 2 tipi di blocco creativo:

🕓Tempo di lettura: 3 minuti

1.Ecco come eliminare il blocco creativo:

1.Colorare: questa attività ci permette di trovare dei momenti di serenità e di aumentare la nostra concentrazione e mentalità creativa.

Mentre coloriamo la nostra mente si riempie di pensieri, ricordi, emozioni ed ispirazione; possono venirci in mente eventi o idee accadute settimane, se non mesi fa.

2.Leggere un libro o delle notizie che ci interessano: ricevere informazioni che ci interessano possono ispirarci per la produzione di nuovi contenuti creativi

3.Riguarda dei lavori che hai fatto: molto spesso affrontiamo un lavoro creativo solo da un punto di vista, quando lo si potrebbe affrontare anche da altri o semplicemente in modo più dettagliato od aggiornato; o ancora, nel rivedere un nostro lavoro, potrebbero venirci in mente altri temi da affrontare

4.Ispirazione: Spesso siamo sovraccaricati dalle informazioni e dalle ispirazioni; infatti, potremmo venire ispirati da una sola frase, da un post su Facebook o Instagram, da un’email, da una conversazione, un video o da una lettura.

Possiamo farci ispirare anche dai contenuti creativi di una persona che ammiriamo o girando per il web; non c’è nulla di male nel prendere spunto dal lavoro altrui per poi affrontarlo in un modo diverso.

5.Staccare: spesso la risposta giusta ai problemi è staccare con un’uscita fuori porta per conoscere un luogo fin cui non si è mai stati, o regalandosi un momento di relax o di divertimento.

L’importante è fare qualcosa che piaccia per distrarsi dal blocco creativo.

Basterebbe visitare un museo, andare a vedere un film al cinema, o provare un nuovo ristorante; l’importante è stimolarsi facendo qualcosa di nuovo.

Annunci

6.Sistemare il proprio spazio: mettere in ordine lo spazio in cui si vive, o la propria scrivani dove si lavora è un modo analogo al fare “chiarezza mentale”, ovvero al mettere in ordine i propri pensieri.

7.Accettare il blocco creativo: bisogna accettare il momento che si sta vivendo, anche se frena momentaneamente la nostra produttività ed i nostri piani; va bene fermarsi ogni tanto, ed è ciò che va fatto in questo momento.

Vivere il blocco creativo come una situazione che va risolta il più presto possibile senza ascoltare i propri bisogni non aiuterà di certo nella missione; è un momento che va vissuto staccando dal proprio lavoro per poter trovare nuovamente la propria creatività ed ispirazione nel mondo che ci circonda facendo ciò che ci piace.

2.Ecco 2 tipi di blocco creativo:

1.Sovraccarico di informazioni: spesso siamo semplicemente troppo esposti a mille informazioni e fonti di ispirazioni, che arriviamo ad un certo punto in cui non li riconosciamo più come tali, bensì, le vediamo come distrazioni o non ci interessano più a dispetto di quanto accadeva in passato.

In queste situazioni dovremmo semplicemente fare un passo indietro sottraendoci a tutte queste fonti, per poi veicolare noi stessi le informazioni e ciò che davvero ci interessa per trovare l’ispirazione che ci serve.

2.Difficoltà personali: può succedere che semplicemente, qualcosa nella nostra vita personale qualcosa non vada nel verso giusto e che questo si rifletta in qualche modo anche nell’ambito lavorativo.

Potremmo incorrere in un divorzio, in un lutto o in una malattia; e, nonostante i nostri sforzi di separare la nostra vita personale da quella lavorativa, non sempre ci riesce bene.

In questi casi dobbiamo ricominciare da noi stessi, ovvero, dobbiamo prioritarizzare la nostra salute fisica o psichica, in generale il nostro benessere; dobbiamo ripartire da noi stessi dandoci tutte le attenzioni ed il tempo di cui abbiamo bisogno per poter ricominciare a stare bene.

Avete mai avuto un blocco creativo? Come lo avete superato? Fatemelo sapere nei commenti, e se vi è piaciuto l’articolo lasciate un like!

Annunci